I AM


Di Fabrizio Giraldi. L’ Italia discrimina i transgender, lo rileva un nuovo rapporto condotto in tutta la UE (“Essere trans nell’ Unione europea, un’ analisi comparativa”) pubblicato dall’ Agenzia europea per i diritti fondamentali. Il percorso di transizione condotto in Italia è lungo e faticoso.
Ambiguità fisiche e documenti discordi rendono i più banali momenti di vita un problema. Andare al lavoro, relazionarsi con la famiglia o presentare i documenti. Hai la barba ma ti chiami Cristina, Giulia, Flora, Lara o Veronica. Un trucco leggero e capello lungo, ma ti chiami Enrico, Marco o Michel.
Dal 9 al 28 Giugno 2017 Nell’ambito del circuto del festival Fotoleggendo di Roma.

I am

Minimum 6 characters